Copyright su Internet. Tempi duri per i copioni!

Tutela del copyright su Internet

La tutela del copyright su Internet è arrivato ad una svolta epocale nella legislazione italiana grazie all’approvazione del  “Regolamento Agcom” (Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013).

L’Autorità Garante delle Comunicazioni diviene l’organo a cui ci si deve rivolgere nel caso si voglia denunciare una violazione dei diritti di copyright.

27359939853_a2cc8baac9_b

Non c’è più, dunque, la necessità di denuncia, di iniziare una causa civile con processo, tempi lungi e dispendio di energie e denaro, da ora sarà sufficiente una semplice procedura amministrativa.

Vediamo come fare

Il web è terreno facile di copincolla, di condivisione di immagini, testi, video news e altro.

Spesso gli utenti non si rendono conto che utilizzare l’immagine scattata da un fotografo senza citarne la fonte o pagarne i diritti, estrapolare una clip da una trasmissione televisiva e caricarla sul proprio profilo di Facebook o su YouTube, utilizzare una canzone come colonna sonora di un proprio video, scrivere sul proprio blog pezzi tratti da articoli pubblicati da altre fonti è una violazione del copyright.

3020966500_e972a5a51e

Ma come? Lo fanno tutti! Sarà la vostra risposta. Sì questo è vero, ma è una violazione di legge. Spesso niente succede, per lo più perché la vittima della copiatura non si accorge del vostro utilizzo, altre volte il motivo era perché i tempi e i costi della causa civile erano poco convenienti.

Ora non è più così.

Se vi accorgete che qualcuno ha utilizzato vostro materiale originale per farlo proprio è sufficiente fare segnalazione all’Agcom per ottenere la rimozione del contenuto ed un eventuale risarcimento danni.

Attenzione la segnalazione all’Agcom può essere fatta solo se non è ancora stata avviata una causa civile.

Quindi sarà sufficiente collegarsi ad Internet da un pc alla pagina https://www.ddaonline.it/modulo/#opereDigitali e compilare l’istanza, stamparla e firmarla, dopodiché la stessa dovrà essere inviata con PEC all’indirizzo indicato sul modulo.

apple-imac-ipad-workplace-38568

Fatto questo l’Agcom avrà 35 giorni per decidere se l’istanza è ammissibile. Se riterrà che la lesione del diritto di copyright non sussiste, rigetterà l’istanza, se invece ritiene che si sia verificato un illecito allora invierà una comunicazione a colui che ha “rubato” il contenuto chiedendone la rimozione.

Libertà di espressione

Tutta questa procedura incide però sulla libertà di espressione garantita dall’art. 21 della costituzione :

Art. 21. – Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Un valore ritenuto importante nella nostra costituzione, anche se l’Italia è crollata al 77esimo posto in fatto di libertà di stampa, fanalino di coda di tutti i paesi europei.

Un valore che spesso va a scontrarsi con la tutela del diritto d’autore disciplinato  dalla Legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive modificazioni, e dall’art. 2575 del Codice Civile ai sensi del quale, costituiscono oggetto del diritto d’autore “le opere dell’ingegno di carattere creativo, appartenenti al mondo della letteratura, della musica, del teatro e della cinematografia, delle arti figurative, dell’architettura, della scienza, sotto qualsiasi forma ed espressione”.

images

E’ difficile fare previsioni su quale freno alla libertà di espressione possa infliggere questa procedura abbreviata inserita nel nuovo Regolamento Agcom, certo è che si prevedono tempi duri per i copioni!

.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.